CAPOPONTE-MONTE NAVERT                                                    22.05.2016

Romix, Marco, Puglia e Andrea oggi si fanno una delle "grandi classiche" dell'enduro nell'appennino parmense.

La giornata è a dir poco meravigliosa: il sole è splendente e la temperatura è perfetta.

Giovedì è piovuto che sembrava il giorno del giudizio universale e in quota è venuta una spolverata di neve, Venerdì e Sabato sole, per cui le condizioni del terreno sono praticamente perfette; né troppo bagnato, né troppo asciutto.

Ci troviamo alle 08:15 a Capoponte e, dopo esserci preparati, partiamo per la nostra gita domenicale.

L'andata fila liscia come l'olio (Motul 800) a parte un piccolo momento di smarrimento nel bosco perché fra le miriadi di stradine e sentieri che si diramavano in un certo punto anche il GPS faceva fatica a darci supporto.....


Arriviamo sul Navert verso le 11:45; quando esci dal bosco e arrivi sulla radura ti si apre il cuore e vieni immediatamente ripagato di ogni fatica fatta fino a qualche minuto prima !!!!


Il panorama a 360° è veramente spettacolare e allora ti devi fermare assolutamente un mezz'ora per gustartelo mentre ti riposi un pochino.


Sono le 12:30 e riprendiamo la strada del ritorno; prima di arrivare a Tizzano passiamo 30 minuti dispersi nel bosco !!!!

Stupidamente voglio provare a fare una strada alternativa che non è tracciata dal GPS e così ci impastiamo in mezzo a piante, arbusti, fogliame e una piccola mandria di vacche al pascolo; come se non bastasse Puglia và in crisi energetica e la sua GasGas incomincia a lamentarsi con il radiatore che sembra un geyser islandese.....come se non bastasse tutti e 4 andiamo contemporaneamente in riserva con il carburante....


In un qualche modo ce ne saltiamo comunque fuori e ci dirigiamo veloci a Tizzano per fare carburante evitando di restare nel bosco con i serbatoi asciutti.

A Tizzano cogliamo l'occasione del rifornimento moto anche per rifornire le nostre pance che sono a secco dalla mattina.

Finito di mangiare dichiariamo la giornata "ended" e torniamo verso casa.

Giro bello bello bello; impegnativo ma non troppo, giusto quello che serve per divertirsi in una Domenica di metà primavera.

Torna alla HomePage